Massaggio infantile – Comunicare a pelle
08

Pubblicato da  in Massaggio infantile

La pelle è l’organo più esteso del corpo, e il tatto – il senso che le appartiene – è il modo più intimo in cui un neonato può comunicare con la madre. È attraverso la pelle che si stabilisce il  contatto primario, quello della nutrizione; la pelle è l’involucro che racchiude il neonato nel momento in cui passa dalla vita uterina al mondo esterno, dove dovrà costruirsi una propria identità, distinta da quella degli altri. Il massaggio infantile, stimolando la pelle che lo separa dal mondo esterno, aiuta il neonato nello sviluppo del sé.

Con il massaggio infantile, si instaura una comunicazione tra madre e bambino fatta sì di sguardi e parole, ma soprattutto di contatto. Le mani della madre comunicano al neonato l’amore, la cura, la protezione, trasmettono la sicurezza di cui ha bisogno e creano il legame che accompagna il neonato nella crescita. La pelle è il confine che comunica con l’esterno rafforzando lo sviluppo dell’identità, e il legame creato dal massaggio rappresenta il “porto sicuro” dentro cui questa identità diventa individuo.

Il massaggio, inoltre, stimola le cellule della pelle aiutando a sviluppare la risposta immunitaria così importante per la crescita dell’involucro che rappresenta la protezione dall’ambiente esterno, ma che all’inizio è ancora immaturo, sottile, e non secerne le sostanze che più avanti lo proteggeranno dall’aggressione di agenti esterni, oltre ai benefici che porta a sistema circolatorio, muscolare, gastro-intestinale.

Insomma, il massaggio infantile è cura del neonato a 360°.