Osteopatia

L’osteopatia è una filosofia metodologica manipolativa diagnostica e terapeutica che in italia viene compresa tra le Medicine Non Convenzionali.

La filosofia osteopatica considera l’essere umano come una unità individuale in cui struttura, funzione,mente e spirito sono interdipendenti. Studiando il movimento del corpo e delle sue singole parti si prefigge di arrivare a comprendere, interpretare ed interagire con i meccanismi che influenzano positivamente o negativamente gli aspetti anatomo funzionali. L’armonia dinamica con cui il corpo si esprime è fortemente influenzata dall’ambiente circostante; l’operatore osteopata è la parte ambientale in grado di interagire in senso correttivo mediante tecniche specifiche che utilizzano il linguaggio cinetico del sistema corporeo. La qualità del movimento rispecchia la qualità della vita e della salute, il corpo provvede ad instaurare, in risposta ad insulti anatomo-funzionali, meccanismi di compenso che modificano la corretta cinetica delle sue parti.

Nel corpo umano i diversi apparati si fondono e si uniscono in un contesto di interdipendenza; una postura scorretta, una malattia, un trauma generano una riduzione della mobilità di una o più strutture corporee apportando un problema funzionale per l’organismo e influenzando la naturale fisiologia dei tessuti. L’osteopatia avvalendosi dell’applicazione manuale mira al ripristino dello stato di salute, di benessere ed al suo mantenimento cercando di riequilibrare struttura, funzione e postura individuando, per quanto possibile, le limitazioni del movimento segmentario e di conseguenza complessivo. Il grado di mobilità recuperato si traduce in uno stimolo riorganizzativo ed in una ridistribuzione delle sollecitazioni meccaniche, ne consegue una riduzione degli stress articolari, minor fatica e maggior benessere per i tessuti dell’organismo. Le tecniche ed il trattamento sono integrabili a quelle di altre figure professionali operanti in ambito socio-sanitario e tendono ad un riequilibrio funzionale, non mirato esclusivamente alla semplice soppressione del sintomo.

L’osteopatia viene utilizzata per la cura di affezioni dolorose dell’apparato muscolo-scheletrico ma si rivela spesso efficace per molti altri disturbi funzionali di carattere posturale, viscerale, psicosomatico. L’analisi funzionale osteopatica ed il conseguente percorso metodologico deduttivo nulla ha a che vedere con la diagnostica medica poiché si avvale di una diversa metodica valutativa.

La raccolta di informazioni inerenti la storia funzionale e clinica del paziente non mira ad una conclusione diagnostica, che è di pertinenza medica, bensì all’esclusione di aspetti che costituiscano controindicazioni al trattamento.